BookBox

Home/Progetti/BookBox

BookBox

BookBox- Un progetto sperimentale per l’autismo

BookBox è un progetto che si ripropone di realizzare in diverse città italiane una piccola biblioteca nelle sale d’attesa di luoghi frequentati da bambini e adulti, (studi medici, farmacie, centri estetici, saloni). Si tratta di una biblioteca particolare dove la cura, l’aggiornamento periodico e la distribuzione dei volumi e delle riviste è affidata a ragazzi autistici. Accompagnati da educatori esperti, periodicamente, i ragazzi hanno il compito di consegnare libri, garantendo un ricambio periodico dei titoli al fine di assicurare una buona scelta a chi ritorna più volte nello stesso luogo. Nato da un’idea di Marilena Zacchini, questo progetto è già stato avviato – in via sperimentale – in diverse città fra cui Firenze, Piacenza, Milano, Cremona, Novara, Trento, Savona, Lucca.

Il progetto BookBox a Cernusco sul Naviglio

La proposta nasce dalla collaborazione di due anime. La prima costituita da realtà che lavorano – quotidianamente – con persone con autismo ed una seconda formata da soggetti attivi sul territorio nel promuovere lo scambio di libri. I promotori del progetto sono: Associazione I Gigli del Campo onlus, Cooperativa Sociale Fabula onlus, Associazione Clio, Fondazione A .

Attualmente, date le circostanze particolari che stiamo vivendo connese alla pandemia, non è possibile portare fisicamente i libri nei vari luoghi, come previsto. Nonostante questo  – credendo ancor di più nei valori di crescita che il BookBox porta con sé – con un po’ di creatività abbiamo deciso di proseguire attraverso nuove modalità. Per il momento, infatti, l’attività prosegue nella forma dello svolgimento di un lavoro di “back-office”, che implica anche la catalogazione di tutti i libri secondo le capacità di ciascuno, ma sempre attraverso un lavoro di squadra!

Perché Bookbox

BookBox vuole promuovere un percorso sperimentale di inserimento al mondo del lavoro dei ragazzi con disturbo dello spettro autistico (a basso e alto funzionamento), offrendo loro la possibilità di mettersi in gioco con un’esperienza che in parte ricalca quella lavorativa, garantendo – al tempo stesso – un servizio al territorio di appartenenza. Nel progetto di vita dei ragazzi autistici l’inserimento nel mondo del lavoro costituisce uno degli obiettivi principali per approdare all’età adulta, favorendo il consolidamento della propria identità, il rafforzamento dell’autostima, lo sviluppo dell’autonomia, l’indipendenza e  l’inclusione sociale. L’inserimento in un contesto lavorativo rappresenta, altresì, una meta importante non solo per il giovane, ma anche per la sua famiglia e la società.

2021-07-14T12:20:55+00:00